Terapia di medicine di dipendenza alcoliche

Alcol e farmaci. Un "cocktail pericoloso"

Come non rompersi sul marito dellalcolizzato

Durante il trattamento con metronidazolo è indispensabile evitare l'assunzione di alcol per scongiurare la manifestazione certa delle sgradevoli conseguenze consistenti in mal di testa, nausea, vomito, crampi addominali e sudorazione.

Il consumo di alcol comporta effetti particolarmente gravi che possono indurre una depressione respiratoria oltre che uno stato di scarsa vigilanza. Withney Houston è morta terapia di medicine di dipendenza alcoliche un cocktail di alcol e farmaci: una combinazione fatale di alcoliciValium e Xanax si è portata via una delle voci più amate di tutti i tempi. Nulla di male, molti usano benzodiazepine quotidianamente ma il messaggio da portare a casa in questo caso è: chi usa queste categorie di farmaci non deve consumare alcolici.

Tutte le terapia di medicine di dipendenza alcoliche di assunzione di un farmaco rispetto terapia di medicine di dipendenza alcoliche bere vanno sempre verificate terapia di medicine di dipendenza alcoliche il medico che le prescrive che sa quali sono le circostanze individuali che possono determinare un danno anche grave alla persona che non è consapevole della propria maggiore vulnerabilità a causa del consumo di alcol.

Un esempio gioverà a comprendere il perché. Prendiamo ad esempio il paracetamolo, la arcinota Tachipirina. Questa è una delle ragioni per cui il foglietto illustrativo del paracetamolo consiglia cautela, quando a prendere il farmaco sono persone che fanno uso abituale di alcol.

Chi assume antibiotici deve sempre verificare con il medico o leggere il foglietto illustrativo prima di consumare alcolici. Chi soffre di diabete mellito deve quindi evitare l' alcol o farne un uso moderato premurandosi di chiedere terapia di medicine di dipendenza alcoliche al proprio medico curante indicazioni di merito.

Alcol e antinfiammatori non steroidei FANS assunti per tre o più giorni possono essere lesivi per la mucosa dello stomaco e causano una compromissione della circolazione nei capillari che diventano più vulnerabili incrementando il rischio di sanguinamento. Quindi è buon senso limitare o, ancora meglio, non bere alcolici in corso di terapia. L'assunzione continuata di alcol tende a far aumentare la pressione e a ridurre l'effetto dei farmaci antipertensivi.

Chiedere quindi sempre al farmacista o al medico se la medicina è compatibile con il consumo di alcol leggendo sempre il foglietto descrittivo è non solo opportuno ma indispensabile sia per evitare effetti avversi o collaterali indesiderati, sia per garantirsi che le terapie effettuate mantengano la loro efficacia evitando superficialità che possono avere serie conseguenze per lo stato di salute. Sei in : Magazine I blog della fondazione Il Blog di Emanuele Scafato Alcol e farmaci: un binomio pericoloso che … se lo sai, lo eviti.

Unisciti a noi nella lotta contro i tumori Dona ora. Share on facebook Share on google-plus Share on twitter. Emanuele Scafato.