La suocera beve molto

Metti una suocera in casa - secondo atto

Come capire ci sarà un marito lalcolizzato o no

Dopo una lunga pausa dal divertente "Non avevo capito niente" non chiedetemi perché, visto che mi era pure piaciuto tanto Malinconico è un uomo consapevole di essere quello che è, un uomo normale. A volte brillante, a volte pessimo. Non è un duro, non lo è mai stato. È uno che quando c'è da prendere una decisione cerca sempre d'imboccare strade alternative, perché per decidere devi essere convinto e lui non è quasi mai convinto di nulla: è più un tipo da opzioni. È succube dei suoi stessi pensieri, pensieri che vagano liberi nella sua testa, sfuggenti, promiscui, ostinati nel non farsi "catturare".

Un uomo che non riesce mai a trovare la risposta giusta al momento giusto, ma che ogni volta gli viene in mente quando torna a casa, fuori tempo massimo, quando non vale più, quando non serve a niente E allora per prendersi la rivincita sulle parole, scrive. Fa battute spiritose, la suocera beve molto non scommetterebbe mai su se la suocera beve molto.

Sa benissimo di non essere all'altezza di quello che dice, eppure lo dice lo stesso. La suocera beve molto potesse scegliere chi la suocera beve molto in vita, richiamerebbe Massimo Troisi, adora De Andrè e piange guardando "L'ultima neve di Primavera". Si tratta di "situazioni narrative" in cui ti ci ritrovi, ti specchi De Silva è uno scrittore a doppio fondo, un po' superficiale e un po' profondo, un po' stupido e un po' geniale, un po' scontato e un po' originale.

Il suo pregio più la suocera beve molto è quello di riuscire a trovare il comico nel tragico! Quando lo leggo ho sempre la sensazione di parlare con un vecchio amico che sa tutto di me Insomma, tutto questo per dire che c'è chi perde la testa per i vari MrDarcy, Heathcliff, Mr Rochester Praticamente una sfigata! Doveva essere una cosa rapida e indolore fatta di pochi e semplici passi: recarsi al supermercato, acquistare gli articoli necessari e tornarsene felicemente a casa. Che altro? Perché, tanto, ne aveva poche.

Si, tra tutti, lui, proprio lui è stato scelto. Sei felice Malinconico, vero? Un testo che arriva a più riprese, con un aspetto divertente alla prima lettura, e con un carattere riflessivo successivo alla conclusione della stessa.

Io rimugino tantissimo. Quando cammino. Quando lavoro. Quando mi diverto. Quando mi compiango. Per cui è chiaro che affliggersi su faccende insuscettibili di modifica è un piacere morboso, una necrofilia intellettuale, una pratica masochista.

Riempio la suocera beve molto di Word nella speranza di trovare le parole giuste per fissare un punto di vista e tendenzialmente non cambiarlo più. Faccio notte, quando proprio mi fisso. Di stare fermo mentre tutto scorre. Del guardare senza capire. Del non poter chiedere spiegazioni a qualcuno senza fare una figura di merda. Ecc di cosa sto parlando. Senza tanti giri di parole: un personaggio perfetto Malinconico di un libro perfetto non avevo capito niente è stato distrutto.

Un libro fondamentalmente inutile con pochissimi spunti interessanti ma destinato ad essere solo un contenitore la suocera beve molto consentire al suo autore di ammorbarci con insopportabili opinioni personali. E' evidente che non si tratta delle opinioni di Malinconico ma di quelle di Da Silva. Malinconico che abbiamo conosciuto come sfigato diventa all'improvviso un'eroe, sempre con la battuta pronta, brillante, spigliato e con un sacco di donne. Lo stratagemma del supermercato è pietoso, l'ossessione dei soprannomi è stucchevole, il commento onnipresente di ogni parola o gesto rende la lettura soporifera.

Potrei continuare, ma mi limito a questo per esprimere il mio giudizio purtroppo negativo la suocera beve molto un romanzo brutto di un autore che ha invece dimostrato in altre occasioni di essere veramente bravo.

Ancora una volta l'avvocato Malinconico fa sorridere con tutte le sue elucubrazioni mentali sui fatti della sua vita, sulle persone amate e non, sul la suocera beve molto rapporto con i la suocera beve molto due figli, con la sua ex moglie, con una fidanzata Alessandra Persiano che in un certo senso sta già cercando una via di fuga.

Il titolo Mia suocera beve potrebbe ingannare il lettore, perché la storia non è affatto circoscritta alla finta dipendenza della suocera di Malinconico! In queste pagine finalmente Vincenzo malinconico esce dal mucchio di avvocati senza volto riuscendo a raggiungere inaspettatamente una specie di riscatto sociale e morale, grazie alla tragicomica avventura all'interno di un supermercato Lo confesso: mentre leggevo il libro in treno ho rischiato che gli altri passeggeri chiamassero la neuro visto che scoppiavo a ridere come un matto.

Era il mio primo libro di De Silva e mi è davvero piaciuto: a metà strada tra l'avvocato Guerrieri di Carofiglio e "La rivincita dei Nerds", Malinconico diventa suo malgrado protagonista di un reality show che gli darà l'effimera fama che porta la TV. Tanta ironia ma anche un'amara riflessione sulla società moderna che De Silva affronta con una buona dose di umorismo anche se al lettore più attento non sfuggono i messaggi importanti che fa passare l'autore.

Eccezionale la figura della suocera, esilarante la commentatrice TV che tanto ci ricorda i vari ammanicati RAI-mediaset la suocera beve molto litigano costantemente con la grammatica.

Inizio col dire che io l'Avv. Malinconico lo adoro. E' proprio il classico avvocato che sarei diventato io, se solo non avessi avuto lo strainimento di dire BASTA quando mi son resa conto che non era la mia attitudine. Di certo più vicino degli avvocati dipinti da Baccomo. Ma veniamo a questo libro. Riprendendo le modalità di "Non avevo capito niente", il secondo capitolo delle avventure del nostro malinconico perde il leggero disincanto che tanto avevo amato nel primo libro.

Ridonda, si perde, cerca l'ampatia. Perchè c'è anche del buono in questo libro, e ce n'è anche parecchio. Prima di tutto, alcuni personaggi azzeccatissimi come la suocera che beve ed è malata di cancro Assunta detta Ass.

E poi la mitica Mary Stracqualurso, una vera icona dei nostri tempi. Insomma, leggetelo che male non vi fa.

E mia suocera, allora? Anche questo libro l'ho la suocera beve molto per il titolo, come la solitudine dei numeri primi. E' un bel biglietto di presentazione, il titolo, ma questa volta non sono stata fregata, il titolo valeva la la suocera beve molto. La storia non è niente di che, ma la scrittura è di mio gusto e i personaggi credibilissimi, quasi dei vicini di pianerottolo. Per essere il primo libro che leggo di questo de silva, direi che non è niente male. E poi pure beve? Si parla di La suocera beve molto al secolo Assuntala suocera seriamente ammalata del nostro Vincenzo Malinconico, di professione Avvocato ed uomo di carattere sensibile, acuto, nonché apparentemente sfigato.

Sarà che ho la stessa età di De Silva, che mi ritrovo con tantissime sue passioni, che mi sono esaltato nel leggere alcuni sui capitoli il pezzo sugli Equipe 84 è f a n t a s t i c oma questo libro è imperdibile. A me è piaciuto anche più del primo.

Il protagonista é uno che riflette su quello che gli capita, sa ridersi addosso e prendere le cose con una certa leggerezza ma non con superficialità. E poi mi fa proprio ridere. Impiega piuttosto tutte le sue energie ad elaborare pensieri articolati ed originali. E che è fondamentalmente dominato da tutte le donne che lo circondano, a partire dalla figliastra fino alla ex-suocera.

Il tutto senza mai auto-commiserarsi, è semplicemente consapevole di tutti i suoi limiti. Il che ce lo rende istintivamente simpatico. Narrativa italiana Romanzi Mia suocera beve. Valutazione Utenti. Letteratura italiana Autore. Diego De Silva. Editore Casa editrice. Questa volta, alle prese con un sequestro di persona ripreso in diretta dalle telecamere di un supermercato.

Ad averlo studiato ed eseguito è il mite ingegnere informatico che la suocera beve molto progettato il sistema di video sorveglianza. Opinioni inserite: 13 Aggiungi la tua opinione Voto medio.

Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura? Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri: - le opinioni devono essere argomentate ed esaustive; - il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali; - qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler; - non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno. Consigliato a chi ha letto Se desideri, in questo campo puoi indicare altri testi che ti ha ricordato la lettura del libro che stai recensendo.

In questo modo chi ha letto una delle opere che indicherai avrà un'indicazione utile per sapere se acquistare o meno questo libro. Mia suocera beve Antonella76 Voto medio. Avvocato d'insuccesso Dopo una lunga pausa dal divertente "Non avevo capito niente" non chiedetemi perché, visto che mi era pure piaciuto tanto Indicazioni utili La suocera beve molto consigliata.

Commenti 2. Trovi utile questa opinione? Mia suocera beve Mian88 Voto medio. Malinconico, Vincenzo Malinconico Avv. Commenti 0. Mia suocera beve Paolo Voto medio. Evitabile Senza tanti giri di parole: un personaggio perfetto Malinconico di un libro perfetto non avevo capito niente è stato distrutto.

Mia suocera beve dama Voto medio. Il riscatto di Malinconico La suocera beve molto una volta l'avvocato Malinconico fa sorridere con tutte le sue elucubrazioni mentali sui fatti della sua vita, sulle persone amate e non, sul particolare rapporto con i suoi due figli, con la sua ex moglie, con una fidanzata Alessandra Persiano che in un certo senso sta già cercando una via di fuga.