Il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo

Alcolismo: come uscirne?

Il padre beve ogni giorno e litiga dove rivolgersi

Il paracetamolo o acetaminofeneN-acetil-para-amminofenolo [2] è un farmaco ad azione analgesica e antipiretica largamente utilizzato sia da solo sia in associazione ad altre sostanze, ad esempio nei comuni preparati da banco per le forme virali da raffreddamento, o nei farmaci destinati al trattamento del dolore acuto e cronico.

Il paracetamolo fu sintetizzato per la prima volta nel da Harmon Northrop Morse per riduzione di p -nitrofenolo con stagno in acido acetico glaciale, secondo la seguente reazione. Inizialmente si usavano acetanilide e fenacetinail medicamentous significa allatto di cura di alcolismo dell' anilina il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo, come antipiretici di elezione, ma essi avevano forti conseguenze tossiche il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo paziente.

Era quindi il paracetamolo la sostanza che realmente determinava l' analgesia e il calo della temperatura. Quando una sostanza farmacologicamente attiva si origina, come nel caso del paracetamolo, in seguito all'assunzione di un altro prodotto l'acetanilide o la fenacetinaquesto prodotto viene indicato come precursorementre la sostanza che si forma viene detta metabolita attivo.

Il paracetamolo era dunque il metabolita attivo sia dell'acetanilide, sia della fenacetina. Rispetto ai suoi precursori, oggi non più usati in farmacologiail paracetamolo presentava due vantaggi importanti: 1 non è tossico; 2 è più facile da sintetizzare. Rispetto ai FANSinoltre, non presenta gastrolesività e nefrotossicità. Dal il paracetamolo ha iniziato ad essere usato come farmaco. Oggi è l'unico analgesico derivato dall'anilina che si continui ad usare in clinica.

A livello del fegatoinfatti, la molecola viene trasformata in un metabolita che è tossico per il tessuto epatico. Alle dosi il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo impiegate, tuttavia, i rischi di epatotossicità sono nulli, tanto che l'utilizzo di paracetamolo non è controindicato in età pediatrica, né in gravidanza. L'effetto analgesico compare prontamente circa 11 minuti dopo la somministrazione orale e l' emivita del farmaco è di ore.

La dose massima raccomandata Farmacopea Statunitense è di 4 grammi al giorno e la singola dose non deve superare il grammo, mentre la Farmacopea Ufficiale Italiana raccomanda l'assunzione di non più di 3 grammi al giorno.

Pur con le dovute cautele di riduzione della dose nei soggetti che presentano una compromissione della funzionalità epatica, il paracetamolo è considerato un trattamento di prima linea nella terapia farmacologica del dolore ed è posizionato al primo gradino nella scala OMS del trattamento del dolore cronico.

Il paracetamolo non è da considerarsi un farmaco antinfiammatorio non steroideo FANS. Non ha infatti attività antiaggregante e la sua attività antinfiammatoria è il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo debole.

Si pensa Graham GG, Scott KF che l'azione antinfiammatoria sia attribuibile ad un'inibizione debole della via di sintesi delle prostaglandine. In condizioni fisiologiche e a dosi terapeutiche di paracetamolo, la sua debole azione inibitoria sulla COX-1 — che catalizza la biosintesi predominante a bassa velocità — diventa quindi significativa e produce gli effetti di blanda riduzione dell'infiammazione osservati in vivo.

Al di fuori dell'inibizione della COX-1, sembra che esista una terza isoforma di ciclo-ossigenasi espressa a livello cerebrale COX-3 che potrebbe essere il bersaglio preferenziale del paracetamolo e di altri antipiretici. L'inibizione di questo enzimache è stato dimostrato essere una variante molecolare della COX-1, potrebbe dar conto di una parte degli effetti analgesici e antifebbrili centrali mediati dal paracetamolo nell'uomo, dato che nel ratto non sembrano essere importanti.

Per questo motivo, il dosaggio giornaliero massimo raccomandato negli alcolisti non deve superare i 2,5 grammi al giorno. Il paracetamolo viene metabolizzato dalle cellule della zona 3 dell' acino epatico.

In queste cellule c'è una concentrazione elevata di citocromo Pil quale trasforma il paracetamolo in N-acetilbenzochinoneimminaun composto molto reattivo e tossico, che colpisce soprattutto le proteine epatiche. La tossicità della N-acetilbenzochinoneimmina è strettamente correlata alla presenza sull'anello di due doppi legami: uno con l' azoto e l'altro con l' ossigeno.

Anche le cellule della zona 1 dell' acino epatico potrebbero coniugare il paracetamolo con glutatione GSH e formare un glutatione-coniugatofacilmente eliminabile, ma, poiché la concentrazione di glutatione nelle cellule della zona 1 è bassa, agisce principalmente il citocromo P della zona 3.

In generale la tossicità di questa sostanza è legata al limitato potere detossificante del GSH; in caso di ingestione eccessiva, il paracetamolo porta necrosi delle cellule epatiche in giorni. Nel caso di avvelenamento da sovradosaggio, il paracetamolo è potenzialmente tossico per il rene. Attualmente, tuttavia, è il farmaco meno nefrotossico tra quelli il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo per il dolore il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo i traumi ed è per tale motivo considerato di prima scelta nelle persone affette da insufficienza renale che non possono fare uso dei classici FANS.

Studi clinici effettuati sull'uomo non hanno evidenziato effetti teratogeni o fetotossici. Secondo un piccolo numero di studi l'impiego del paracetamolo in gravidanza potrebbe essere associato ad un rischio ridotto di aborto e nascita pre-termine.

La classe B comprende i farmaci i cui studi riproduttivi sugli animali non hanno mostrato un rischio per il feto e per i quali non esistono studi controllati sull'uomo oppure farmaci i cui studi sugli animali hanno mostrato un effetto dannoso oltre a un decremento della fertilità che non è stato confermato con studi controllati in donne nel I trimestre e per i quali non c'è evidenza di danno nelle fasi avanzate della gravidanza.

Il paracetamolo è escreto nel latte materno in quantità clinicamente non rilevanti. Sulla base dei dati di letteratura medica disponibili, l'uso del paracetamolo nelle donne che allattano al seno non è controindicato.

Altri progetti. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Disambiguazione — Se stai cercando il singolo di Calcutta delvedi Paracetamolo singolo. URL consultato il 13 gennaio URL consultato il 31 ottobre URL consultato il 27 giugno Sannerstedt, P.

Lundborg; BR. Danielsson; I. Kihlström; G. Prame; E. Ridley, Drugs during pregnancy: an issue of risk classification and information to prescribers. Altri progetti Wikiquote Wikimedia Commons.

Portale Chimica. Portale Il medicamentous significa allatto di cura di alcolismo. Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra.

Namespace Voce Discussione. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia. In altri progetti Wikimedia Commons Wikiquote. Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo ; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Vedi le condizioni d'uso per i dettagli. Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze. N02 BE Lo stesso argomento in dettaglio: Avvelenamento da paracetamolo.