Trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra

Alcolici: quando, quanto e come

Rimedi per alcolismo di birra senza la conoscenza del paziente

Nota: Questa e' una versione preliminare del breviario, una bozza con errori e confusione generale. Questo è esclusivamente un testo informativo sulle droghe. L'autore di questo testo Fabio Ciucci non suggerisce in alcun modo l'uso di sostanze stupefacenti o illegali, anzi vorrebbe fornire informazioni sui danni da esse provocate e sconsigliarne vivamente l'uso. L e informazioni contenute in questa pagina sono ricavate da dati presente in rete, vari testi sull'argomento e racconti o aneddoti di ex-consumatori.

Non è garantita l'esattezza di tutte le informazioni, e in ogni caso l'autore declina qualsiasi responsabilità per il contenuto delle stesse. L'utilizzo delle informazioni presenti su questa pagina avviene a rischio e pericolo dell'utente. Il termine "tossico" in questo testo non vuole assolutamente essere offensivo per nessuno, è un termine in linea col tono del sito. Le droghe sono chiamate anche "sostanze stupefacenti", termine che indica sia l'aspetto del "rincoglionimento" che procurano, che la loro illegalità.

Si tende a fare la separazione tra "droghe leggere" cannabis e "droghe pesanti" eroina, cocaina Naturalmente certe sostanze possono procurare contemporaneamente più di uno di questi effetti. Le droghe sono assunte in vari modi fumate, iniettate, sniffate, calate, mangiate.

Perche' la gente assume questa roba? Alcuni per la curiosità di sperimentare nuove esperienze, altri per rincoglionirsi per "godersi meglio" musica, balli, feste, divertimenti in genere; oppure in modo più mirato si usano tranquillanti per annullare uno stato di tensione, stimolanti per "farsi coraggio" ed "essere più ganzi", o allucinogeni per essere più creativi e fare viaggi intergalattici ai confini delle tre lune rosse di Orione.

Iniziamo con le droghe "legali" e istituzionalizzate, tabacco ed alcool:. Pianta della famiglia delle solanacee, le cui foglie, dopo trattamento, sono fumate in sigarette, sigari o pipa. Il fumo di tabacco contiene la nicotina, uno stimolante del sistema nervoso, e una quindicina di sostanze cancerogene.

Non esistono farmaci o sistemi in grado di far smettere di fumare automaticamente, l'unico mezzo efficace è la forza di volontà. Le bevande alcooliche contengono alcool etilico, ottenuto mediante la distillazione dei prodotti della fermentazione del mosto d'uva da cui si ottiene vino e grappadi mele o di cereali come granoturco, orzo da cui si produce la birrasegala.

L'alcool contiene calorie, che danno energia, ma non fornisce nessun elemento nutritivo. Viene assorbito e introdotto nel sangue appena viene a contatto con le pareti dello stomaco, rallentando e diminuendo l'efficienza del cervello, facendo scomparire ansie e inibizioni, in una momentanea sensazione euforica ebbrezza. I sintomi del "dopo-sbornia" sono nausea con vomito e mal di testa.

L'abuso abituale di bevante alcooliche è detto alcoolismo cronico o etilismo cronicoin questo caso l'individuo detto anche ubriacone o alcoolizzato è spinto da un impulso irrefrenabile a bere, anche perchè il suo organismo si è assuefatto all'alcool e servono quantità sempre maggiori. Spesso poi si raggiunge una tale sensibilità che bastano un paio di bicchieri di vino per andare in stato di ubriachezza è il caso in cui si dice volgarmente che "ormai il vino cel'ha nel sangue".

L'alcoolizzato muta spesso la propria personalità, è irascibile, perde appetito e quindi salute in particolare si compromettono il fegato, il cuore e il sistema nervoso, con il manifestarsi di attacchi di convulsioni, delirium tremens, demenza e in certi casi morte. LA PIANTA: La piccole foglie dal sapore aspro della pianta Erytroxylon coca erano masticate a lungo 3 ore dagli Inca in Perù già cinquemila anni fa, per vincere la fame e la sete in caso di grandi fatiche.

Le foglie hanno forma d'uovo e sono lunghe cm. La cocaina è l'alcaloide attivo delle foglie di coca, è stata scoperta nel e si presenta come una polvere bianca e amara; in passato era ricavata dalle foglie di coca, oggi trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra prodotta anche sinteticamente: la cocaina viene in gran parte raffinata in Bolivia, Perù e Colombia, ed esportata sopratutto in Nord America, dove alcuni stimano che ci siano sessanta milioni di consumatori.

Ma già due anni dopo, dopo il decesso di molti medici e pazienti che avevano fatto largo uso di coca, Freud fù accusato trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra dar via libera ad un flagello, per cui in seguito si astenne dal pubblicizzarla, scrivendo: "La cocaina usata troppo spesso come sostituto della morfina è più pericolosa della morfina stessa: molti morfinomani, che fino a quel momento erano riusciti a rimanere in vita, furono visti soccombere alla cocaina.

L'intossicazione da cocaina provoca stati allucinatori con agitazione simile al delirium tremens e, secondo la mia esperienza, allucinazioni di animaletti striscianti sulla pelle".

Agli inizi del novecento la coca era usata da pochi, soprattutto artisti cubisti, dadaisti e astrattisti e aristocratici. In seguito cantanti e complessi rock, come i Beatles, i Rolling Stones e Bob Dylan hanno propagandato la droga assumendola come protagonista di canzoni.

Attualmente, specie dopo ilè detta "la droga dei ricchi", dato che costa sulle mila lire a grammo ed è usata in particolare nell'alta società. Nel è comparso il crack, un composto fumabile ottenuto dalla pasta di coca, che non costa molto 50mila il grammo circae si è diffuso molto, specie tra i neri e i più poveri. I colori e i suoni diventano più vividi, e possono verificarsi illusioni e allucinazioni per lo più a contenuto gradevole, a meno che le dosi non siano elevate: in questo caso compaiono le idee deliranti e fobie persecutorie.

Quando l'effetto ha termine, dopo venti-quaranta minuti, si ha uno stato piuttosto depressivo e di malessere, per cui si ha voglia di farsi un'altra sniffata, col rischio di diventare dipendenti. Quando la droga viene assunta per via endovenosa o per fumo, gli effetti sono istantanei si ha trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra rush cocainico, o trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra di high, dove i rumori si sentono metallici e più forti, per questo trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra cocaina è chiamata anche "roba sonante" e durano molto meno; il maggior numero di morti cocainiche avviene durante queste somministrazioni.

In pratica la polvere bianca, detta anche "neve", viene aspirata dalle narici, spesso attraverso un foglio arrotolato o una cannuccia di penna biro, oppure negli ambienti altolocati si usa una carta da L.

La cocaina blocca la neuro-trasmissione della dopamina, e rimane in concentrazioni elevate a livello delle sinapsi producendo la sensazione di "high". Grosso modo gli effetti dell'uso cronico di cocaina possono paragonarsi a quelli del fumo. Esiste comunque un circolo chiuso: la cocaina a lungo andare provoca tutta una serie di effetti negativi sulla salute e questi ultimi, a loro volta, spingono a persistere nell'auto-cura cocainica.

Differenze tra le diverse forme di cocaina. Senza dubbio la cocaina idrocloruro è quella più in uso, specie presso i bianchi, mentre il crack è popolare fra afro-americani. Le foglie di coca sottoposte all'azione di diverse sostanze chimiche alcali, solventi organici, acido idrocloridrico, ammoniaca si trasformano in pasta di coca; il prodotto finale è la cocaina idrocloruro che è la forma esportata.

Il potenziale di abuso-dipendenza trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra massimo con l'iniezione endovena di cocaina idrocloruro e di crack, ma il potenziale è minore per via intranasale; attualmente, anche in virtù del rischio AIDS, l'uso endovena è andato diminuendo a favore del fumo.

E' appena il caso di ricordare come il crack, provocando un aumento di atti sessuali, sopratutto nel quadro di "sesso contro droga", sta costituendo un importante mezzo di trasmissione dello'HIV. Vie di assunzione ed effetti fisiologici. In genere l'uso intranasale è quello iniziale, successivamente si passa al fumo; lo "sniffing" difficilmente porta ad un uso frequente e va ricordato come il picco dopo l'uso intranasale si abbia dopo minuti, contro i 5 minuti del fumo e dell'iniezione endovena.

Per via intranasale gli effetti fisiologici tachicardia e soggettivi durano più a lungo. Il passaggio dalla via endonasale al fumo provoca un aumento delle dosi ed un rapido avvicinamento alla fase di dipendenza. Altre conseguenze possono essere insonnia, sanguinamento nasale, mal di testa, problemi di memoria e concentrazione. In ogni caso fumare il crack crea più dipendenza e più danni, fino alla morte che è molto frequente. Prima si avverte malessere, agitazione e affaticamento e naturalmente un forte desiderio della trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra.

Poi compare insonnia e voglia di dormire, dopodichè si ha un periodo in cui si dorme troppo. La terza fase, quella di estinzione, ha una durata indefinita, ed è caratterizzata da episodi di desiderio che durano qualche ora, anche a distanza di anni dall'ultima assunzione, magari evocati vedendo talco o zucchero, simili alla coca; comunque, non essendo accompagnate da dolori fisici, resistere non è difficile.

OPPIO: L'oppio è il succo essiccato, estratto dai semi non maturi del Papaver somniferum album trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra biancopianta del medio oriente, contenente morfina e papaverina, che hanno la caratteristica di provocare sonnolenza e far rilasciare la muscolatura.

Fumato è un potente stupefacente. L'oppio è usato fin dall'antichità in Cina e Medio Oriente, poco in Europa. Viene mescolato con tè o caffè tylfumato soprattutto in cinamasticato o ingerito. Già i Sumeri, settemila anni fa, conoscevano gli effetti del "papavero che dona la gioia e l'ebbrezza", e pare che l'imperatore romano Marco Aurelio fosse oppiomane. Nella Parigi di inizio secolo tra i fumatori di oppio misto spesso ad ashish troviamo Baudelaire, Rimbaud, Maupassant, Apollineaire e Delacroix.

Un movimento involontario costante degli occhi a sguardo fisso rientra fra la sintomatologia della tossicodipendenza da oppioidi. La dipendenza fisica e psichica si manifesta dodici ore dopo l'ultima assunzione con irrequietezza, insonnia, tremori e dolori vari. L'intossicazione cronica porta ad apatia ed abbattimento, perdita di iniziativa ed interessi, scarso appetito, dimagrimento.

MORFINA: Agli inizi dell'ottocento è stata estratta dall'oppio la morfina, la quale veniva somministrata con siringhe ai soldati feriti in preda a forti dolori, per farli cessare. E' per questo che l'uso di morfina è stato ristretto quasi esclusivamente a soggetti in preda a dolori fortissimi o precedenti la morte. La dose letale di morfina è di mg. EROINA: Nel dall'oppio è stata ottenuta una sostanza semisintetica, l'eroina, che è più antidolorifica e meno ipnotica della morfina, ma a differenza delle previsioni si è rilevata più tossica e soggetta a rendere dipendenti.

Il consumo di eroina in Italia è dilagato dai primi anni settanta, e se ne trovano quattro tipi: la bianca o thailandese la più pregiatala rosa della Birmaniala brown sugar, che si presenta in granellini del colore dello zucchero bruciato, e la turco-persiana, detta anche eroina al limone, perchè si scioglie più facilmente in acqua con succo di limone.

La dose letale di eroina per chi non è assuefatto è di mg, ma i dipendenti ne assumono 2 o 3 g al giorno in 2 o 3 dosi. La tolleranza e dipendenza eroinica è la più rapida tra le droghe. In una settimana o due si instaura lo stato di dipendenza, e l'effetto è quello di benessere, di distacco dall'esterno e dalle situazioni spiacevoli, come si fosse trasportati in un luogo creato dai propri desideri.

Se le droghe sono somministrate con la siringa, si avverte il flash detto anche sontuoso o royaluna sensazione che dura pochi istanti paragonato da molti all'orgasmo sessuale, come una vampata di calore; dopodichè si ha l'impressione di essere punti da spilli parsi su tutto il corpo per questo l'eroina è detta "roba spillante".

Naturalmente il flash si fa sempre più breve e occorre aumentare la dose volta dopo volta. Gli effetti indesiderati, a parte la dipendenza, sono il restringimento delle pupille, calo della temperatura corporea, disturbi del sonno, rallentamento nella respirazione, nausea, mancanza di libido e impotenza. Il soggetto diventa apatico, vengono trascurati tutti gli impegni scuola, lavoro e famigliainteressa solo la droga.

Tra 24 e 48 ore, oltre ad aumentare questi sintomi, si aggiungono agitazione, insonnia, elevazione della temperatura e della pressione, del respiro e del battito cardiaco, con vomito e diarrea. Tra il secondo e il terzo giorno compaiono forti brividi squassanti e sensazione di freddo intenso, i piedi scalciano involontariamente, si sentono forti dolori alle ossa. Se il soggetto resiste a questa situazione per una settimana o due, senza assumere l'eroina, i sintomi cominciano a calare, anche se persisteranno in modo ridotto per alcuni mesi.

A questo punto si tenta il recupero trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra il soggetto sostituendo l'eroina col metadone o altre sostanze meno gratificanti, e facendogli fare una psicoterapia che dovrà durare almeno due anni in comunità o simili. Alle volte la dose assunta è superiore all'assuefazione, sia a scopo suicida, sia per assunzione di "roba" più pura quindi più forte, che per l'assunzione di eroina in forti dosi come l'ultima assunzione dopo una parziale disintossicazione in clinica o carcere.

In caso di overdose le pupille si restringono fino ad apparire come trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra di spillo, il respiro rallenta e si finisce in coma. Se non avviene una cura tempestiva con il naloxone trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra della morfina la morte è certa; in ogni caso possono comparire altre complicanze come l'edema polmonare e la paralisi intestinale. Le anfetamine sono droghe che velocizzano le funzioni del corpo: il cuore batte piu' forte e l'adrenalina sale.

Sono state usate nella seconda trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra mondiale per rendere più efficienti i soldati. Le anfetamine chiamate anche speed, ovvero velocità sono vendute in strada slitamente come polvere da sniffare anfetamina solfato o da iniettare in quesgto caso i rischi sono maggiori.

Dosi alte e ripetute spesso possono causare delirio, panico e altri effetti da paranoia. Chi assume anfetamine per un lungo periodo deve incrementare le dosi, e se smette risulta depresso e estremamente affamato: le anfetamine posticipano il bisogno di riposo e di cibo, non lo sostituiscono. Chi ha la pressione alta o fa grande esercizio fisico in seguito all'assunzione di anfetamine rischiano arresti cardiaci. Le anfetamine possono ridurre l'efficienza delle pillole anticoncazionali, se prese in dosi troppo forti possono causare morti da overdose.

E' pericolosissimo assumere contemporaneamente anfetamine e altre droghe o alcool. L'MDMA è una metossiamfetamina, che ha acquisito popolarità tra i giovani a partire dagli anni Ottanta.

L'MDMA rimuove in particolare la paura di apparire emotivamente maldestri o ingenui Il dosaggio non deve superare i mg, e non si deve assumere assieme a sostanze come oppiacei e cocaina. L'uso continuato causa intensi danni neurologici. Si narra che in una discoteca fiorentina un giovane la prima volta che si è "calato" una pasticca abbia perso la vista a causa di una sua particolare predisposizione detta down level. In discoteca sovente giungono gli spacciatori di pasticconi, che ti urlano nelle orecchie: "Chicche?

E' raro che ci trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra un bad-trip, ovvero che il panico e il cattivo umore prevalgano, a meno che non fosse presente precedentemente trattamenti di rimedi di gente di alcolismo di birra stato del genere o ci siano conflitti psicologici irrisolti. Il flash back ovvero il ripresentarsi degli effetti dopo un po' di tempo è assai raro. I primi effetti sono il sentire delle "farfalle nello stomaco", bocca secca, pupille dilatate e sesazioni varie di formicolio e prurito.

I movimenti sono veloci e scoordinati, per cui guidare è pericoloso.