Tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante

Alcolista - Scena del film "Astinenza"

Rassegne di medicina zoreks

Kinshasa 17 aprile Siamo infine arrivati, dopo un viaggio difficile, pieno di voli in ritardo, coincidenze perse. Abbiamo atteso a lungo questo momento, sono passati più di due anni da quando abbiamo iniziare a studiare lo strano, inquietante fenomeno dei bambini accusati di stregoneria.

Mesi e mesi di ricerca bibliografica, di discussioni, di ipotesi ed infine potremo toccare con mano questa realtà. Sono abituata al caldo della mia Sicilia, quando soffia il vento di scirocco la temperatura raggiunge i quaranta gradi e più.

Ci soffermiamo a fumare una sigaretta ed un poliziotto della polizia militare comincia ad andare giù di matto, con una corda tutta annodata comincia a sferrare colpi alla cieca. Ci allontaniamo in fretta e con il fuoristrada ci avviamo verso la città. Incontriamo Padre Blaise, che gestisce il centro e le sue attività e le donne, le mamme che nel centro lavorano e beneficiano delle attività del progetto. Parliamo, ci spiegano quello che fanno e come lo fanno.

Hanno attraversato il fiume, sono venute vicino a dove eravamo, si son tolte i fasci dalla testa, si son rinfrescate e si son fermate a parlare con le donne che ci accompagnavano….

Le strade sono piene di gente che vende qualsiasi cosa, dal fufù preparato con farina di manioca che viene considerato il piatto nazionale, a piccoli spiedini di carne, passando per sigarette e magliette cinesi, senza dimenticare gli immancabili cambisti, pieni di Dollari e Franchi. Il sistema stradale tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante praticamente inesistente o in stato di abbandono. Il traffico è un buon modello di anarchia e ai bordi tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante strade la gente corre trainando carriole arrugginite e stracariche di ogni cosa.

In piena città ci sono campi coltivati e fumanti: concimano il terreno bruciandoci sopra la spazzatura! Il paesaggio cambia: non più tetti di eternit o palazzi fatiscenti e brulichio di gente e di auto, ma foresta e villaggi in cui si respira subito un atmosfera diversa, più vivibile, fatta di piccole cose che riacquistano il proprio valore; anche la vita procede in modo più rilassato.

Parte prima Premessa al problema dei bambini di strada accusati di stregoneria. Sono state organizzate diverse missioni a Kinshasa per il progetto dei bambini di strada accusati di stregoneria. Le difficoltà per la realizzazione e per il proseguo del progetto non sono mancate. Innanzitutto per la complessità e la problematicità, sia:. Prime impressioni sulla città di Kinshasa. Kinshasa capitale della Repubblica democratica del Congo, città di 8 milioni di abitanti secondo le ultime e indicative stime.

Kinshasa è come una grande periferia che si estende per 50 km. Il centro si differenzia a malapena dal resto della città. Le strade sono piene di buche e completamente dissestate. A partire da settembre fino a maggio ovvero con la stagione delle tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante, le strade si trasformano in fiumi di fango.

Solo qualche semaforo. Nessun codice stradale rispettato. Fognature a cielo aperto. Rifiuti dappertutto poiché naturalmente non esistono metodi di raccolta, smaltimento e riciclaggio, per cui ognuno brucia qualsiasi cosa. Ma continuiamo questo percorso attraverso la città. Matete, Kalamu, Kasa-vubu, Limete, Bandal. Le abitazioni più povere sono fatte di rifiuti e terra argillala maggior parte invece è in cemento, che si sta diffondendo con rapidità incredibilei tetti quasi sempre di lamiera.

Ai lati ci sono tutti gli uffici e le rappresentanze delle organizzazioni internazionali più qualche banca. Non esistono mezzi di trasporto pubblici. I privati che possono permetterselo comprano una macchina o una camionetta sgangherata secondo o terzo scarto dei paesi europei e la utilizzano come mezzo di trasporto in comune sfruttando al limite lo spazio disponibile e stipando i passeggeri su delle panche di legno, attaccati fuori dai finestrini, con le gambe a penzoloni, sul tettuccio.

Merci e persone viaggiano insieme indistintamente in città come tra i villaggi. Pochissimi sono gli indirizzi. La città è completamente sotto assedio: militari e poliziotti sono ad ogni angolo della strada. Poliziotti, militari, impiegati della Division Urbaine si trovano ad ogni angolo della tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante.

Altre volte senza tanti giri di parole. Un impiegato statale riceve circa 20 dollari al mese come stipendio. Quando lo riceve. Kinshasa non ha soltanto aspetti negativi anche se naturalmente questi sono i primi a saltare agli occhi.

La sua popolazione è gentile e accogliente. I sorrisi e gli entusiasmi dei bambini per strada sono incredibili. Uno degli elementi più eclatanti è sicuramente la netta volontà delle comunità straniere di non mischiarsi con i locali. Le comunità presenti e numericamente più importanti sono quelle francesi e belghe, portoghesi e italiane ma sopra tutte la numerosa comunità libanese che in RDC detiene la maggior parte del piccolo e grande commercio.

La problematica dei bambini di strada. La sola Kinshasa conta una cifra indicativa che va dai Al primo gruppo appartengono tutti i tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante che conducono una vita semi autonoma: di giorno vivono in strada procurandosi il proprio sostentamento e spesso contribuendo a quello familiare mentre di notte rientrano in famiglia. Bambini che nella quasi assoluta totalità dei casi sono stati forzatamente allontanati dal tetto familiare e abbandonati.

Un passato doloroso, fatto di guerra, dittature e colpi di stato, miseria. Le famiglie abbandonano la propria prole. Allontanano con differenti pretesti i propri figli, quegli stessi figli che qui nella cultura africana vengono considerati ricchezza umana ed economica. Ma dobbiamo risalire alle cause per poter comprendere il fenomeno che ad oggi si presenta agli occhi delle autorità pubbliche e della società civile con dimensioni inaudite.

La Repubblica democratica del Congo si presenta infatti al esimo posto secondo il suo I. Anni di colonialismo e badiamo bene. La povertà quella vera e diffusa a livello di massa,quella che ti fa vivere ben al di sotto della soglia tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante un dollaro al giorno é la matrice scatenante. Una bocca in meno da sfamare. I bambini vengono additati come radice di tutti i mali familiari.

Bambini che molto spesso rappresentano un punto debole. I bambini specialmente se molto piccoli si auto-convincono della veridicità di queste affermazioni. Il nucleo familiare è sempre più instabile. Le famiglie si costruisconosi disintegrano e si ricostruiscono intrecciandosi in maniera diversa una,due,tre volte.

Nessuno vuole una bocca in più da sfamare. Molto spesso nei casi di seconde nozze sono i figli del coniuge più debole a farne le spese. Ed è appunto il patrigno o la matrigna ad eliminare alcuni componenti del nuovo e affollato nucleo familiare.

La stragrande maggioranza dei bambini ha perso almeno un genitore. Qui dove si muore per una qualsiasi infezione, influenza, disturbo intestinale.

Qui dove la salute é un bene per i pochi che possono permettersela. Associazionismo tra i bambini. Tendenzialmente i gruppi di bambini più o meno numerosi presentano una semplicissima e scarna struttura gerarchica. Mendicare e rubare sono attività che appartengono alla quasi totalità dei bambini. Per le bambine invece la scelta si riduce drasticamente. La notte. Non ci sono illuminazioni per strada e al tramonto cala immediatamente la notte.

Chi rientra a casa con un mezzo di fortuna, chi compra sulle bancarelle. Le strade sembrano dei presepi. Ogni tavolino ha la sua candela.

I mercati notturni prendono il posto dei mercati del giorno. I gruppi diurni persistono generalmente anche la notte ma questo prescinde dalla grande mobilità dei bambini di strada tra i vari comuni, quartieri e siti della città. Si spostano attratti da opportunità differenti per mangiare, lavorare,dormire. Il gruppo garantisce un minimo di protezione, una gerarchia interna, ma è anche caratterizzato da rivalità e tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante.

Nella visione dei bambini chiunque è un potenziale nemico, e secondo la legge del più forte, che vige sulle strade di Kin, se non sei duro e spietato non sopravvivi. Gli adulti a tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante dai anni sono i più aggressivi tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante difficili. I bambini fumano soprattutto cannabis o comprano in farmacia sonniferi e valium tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante provocarsi stordimento.

Il whisky adesso viene venduto per le strade anche in piccoli sacchetti monodose da 50 fc meno di 10 centesimi di euro. Ogni comune presenta di notte uno o più siti di prostituzione. Vengono tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante accordi economici tra le tossicodipendenza fumante di alcolismo di comportamento deviante e le proprietarie delle stanze.

Altro dato che salta maggiormente agli occhi di notte è la presenza di intere famiglie di strada. Il progetto del Ciss e il mio tirocinio. Gli obiettivi sono vasti ed eterogenei proprio perché si cerca di risolvere i diversi aspetti del problema.

Tra i gruppi beneficiari del progetto troviamo: 8. Verrà messa in atto una campagna di sensibilizzazione riguardo alla problematica dei bambini di strada indirizzata ad una popolazione di Della lista B ad esempio fanno parte le associazioni minori, appena nate o con minore esperienza nel campo e che hanno di conseguenza mezzi e possibilità ridotte.

La mia impressione sulla rete è abbastanza positiva. Per toccare con mano la realtà dei bambini di strada ho scelto alcune tra le tante ONG che compongono la piattaforma REEJER dove recarmi direttamente svolgendo volontariato o portando avanti le mie ricerche per circa una settimana. Le 4 ONG che ho scelto facenti parte della lista A sono:. ORPER oeuvre de reclassement et de protection des enfants de la rue.