Periodo di alcolismo di validità di una puntura

6 segnali di dipendenza dall’alcol

Soggetti su tossicodipendenza di alcolismo e fumo di tabacco

Una fiala da 3 ml di soluzione iniettabile per uso intramuscolare contiene: Principio attivo: diclofenac sodico 75 mg. Gli effetti indesiderati possono essere ridotti al minimo somministrando la minima dose efficace per la minima durata necessaria per controllare i sintomi vedere paragrafo 4.

La posologia è generalmente una fiala da 75 mg al giorno, iniettata per via intramuscolare periodo di alcolismo di validità di una puntura profondità nel quadrante supero-esterno della natica. Eccezionalmente, in casi gravi per es. Alternativamente è possibile combinare una fiala da 75 mg con altre forme farmaceutiche di Voltaren per es. In linea generale, non è richiesto un aggiustamento della dose iniziale per i pazienti anziani.

Comunque, sul piano medico di base, è richiesta cautela, soprattutto per i pazienti anziani fragili o per quelli con un basso peso corporeo. Pazienti con insufficienza cardiaca congestizia NYHA I o significativi fattori di rischio cardiovascolare.

I pazienti che presentano significativi fattori di rischio per malattia cardiovascolare devono essere trattati con diclofenac solo dopo attenta considerazione vedere paragrafo 4. Si raccomanda cautela quando Voltaren è somministrato a pazienti con compromissione renale vedere paragrafo 4.

Si raccomanda cautela quando Voltaren periodo di alcolismo di validità di una puntura somministrato a pazienti con compromissione epatica da lieve a moderata vedere paragrafo 4. Le iniezioni devono essere eseguite secondo rigorose norme di sterilizzazione, periodo di alcolismo di validità di una puntura e antisepsi. Ipersensibilità al principio attivo, al sodio metabisolfito o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.

Sul piano medico di base è richiesta cautela negli anziani. Durante il trattamento con tutti i FANS, incluso diclofenacsono state riportate e possono comparire, in qualsiasi momento, con o senza sintomi periodo di alcolismo di validità di una puntura preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, che possono essere fatali.

Esse hanno in genere conseguenze più gravi negli anziani. Se in pazienti in terapia con diclofenac compaiono sanguinamento gastrointestinale o ulcerazione, il medicinale deve essere interrotto. Come con tutti i FANS, incluso diclofenacè obbligatoria una stretta sorveglianza medica e particolare cautela deve essere usata nel prescrivere diclofenac a pazienti con sintomi indicativi di disordini gastrointestinali o con una storia indicativa di ulcerazioni gastriche o intestinali, sanguinamento o perforazione vedere paragrafo 4.

Il rischio di sanguinamento GI è più alto con dosi aumentate di FANS e in pazienti con storia di ulcera, soprattutto se complicata da emorragia o perforazione. Gli anziani hanno una frequenza maggiore di reazioni avverse soprattutto sanguinamento gastrointestinale e perforazione che possono essere fatali vedere paragrafo 4.

Per ridurre il rischio di tossicità GI in pazienti con una storia di ulcera, in particolare se complicata da emorragia o perforazione, e negli anziani, il trattamento deve essere iniziato e mantenuto con la più bassa dose efficace vedere paragrafo 4. Pazienti con storia di tossicità GI, in particolare anziani, devono riferire qualsiasi sintomo addominale inusuale soprattutto emorragia GI in particolare nelle fasi iniziali del trattamento.

Anche in pazienti con colite ulcerosa o morbo di Crohn deve essere esercitata una stretta sorveglianza e cautela, poiché tali condizioni possono essere esacerbate vedere paragrafo 4. Come con altri FANS, incluso diclofenacpossono aumentare i valori di uno o più enzimi epatici. Durante trattamenti prolungati con diclofenac sono indicati come misura precauzionale regolari controlli della funzionalità epatica. Se i parametri di funzionalità epatica risultano persistentemente alterati o peggiorati, se si sviluppano segni clinici o sintomi consistenti di epatopatia, o se si verificano altre manifestazioni per es.

Poiché in associazione alla terapia con FANS, incluso diclofenacsono stati riportati ritenzione di fluidi ed edema è richiesta particolare cautela in caso di insufficienza cardiaca o renale, storia di ipertensionenegli anziani, nei pazienti in trattamento concomitante con diuretici o con medicinali che possano influire significativamente sulla funzionalità renale e in quei pazienti con una sostanziale deplezione del volume extracellulare dovuta a qualsiasi causa per es.

In tali casi, quando si somministra diclofenac si raccomanda per precauzione il monitoraggio della funzionalità renale. Voltaren deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilità.

Effetti cardiovascolari e cerebrovascolari. I pazienti che presentano significativi fattori di rischio di eventi cardiovascolari ad es. La risposta alla terapia e la necessità del miglioramento dei sintomi devono essere rivalutate periodicamente. I pazienti devono prestare attenzione a segni e sintomi di eventi aterotrombotici gravi ad es. I pazienti devono essere istruiti a contattare immediatamente un medico nel caso si verifichi uno di questi eventi. Durante trattamenti prolungati con diclofenaccome con altri FANS, sono indicati controlli della crasi ematica.

Pazienti con difetti di emostasi devono essere attentamente monitorati. In pazienti con asma, rinite allergica stagionale, rigonfiamento della mucosa nasale p. Questo vale anche per i pazienti allergici periodo di alcolismo di validità di una puntura altre sostanze, per es. Si raccomanda particolare cautela nel caso di utilizzo di Voltaren per via parenterale in pazienti con asma bronchiale, in quanto i sintomi possono essere esacerbati.

La somministrazione di Voltaren dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte ad indagini sulla fertilità.

Grandi volumi di alcool benzilico devono essere usati con cautela e solo se necessario, specialmente in pazienti con insufficienza epatica o renale a causa del rischio di accumulo e tossicità acidosi metabolica. Come conseguenza, la somministrazione di propilene glicole a pazienti in gravidanza deve essere considerata caso per caso. Il monitoraggio. Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione.

Si raccomanda il monitoraggio dei livelli sierici di litio. Si raccomanda il monitoraggio dei livelli sierici di digossina. Anticoagulanti e agenti antipiastrinici: si raccomanda cautela in quanto la somministrazione contemporanea potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento vedere paragrafo 4. Si raccomanda pertanto un attento monitoraggio di tali pazienti.

Tuttavia sono stati riportati casi isolati di effetto sia ipo- sia iperglicemizzante, con la necessità di modificare la posologia degli agenti antidiabetici somministrati durante periodo di alcolismo di validità di una puntura trattamento con diclofenac. Per questo motivo, in caso di terapia concomitante, si raccomanda come misura precauzionale il monitoraggio dei livelli ematici di glucosio. Pertanto, il diclofenac va somministrato a dosaggi inferiori a quelli che sarebbero utilizzati in pazienti non in terapia con ciclosporina.

Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre- e post-impianto e di mortalità embrione-fetale. Inoltre, un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolareè stato riportato in animali a cui erano stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine, durante il periodo organogenetico.

Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanzail diclofenac non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari. Se il diclofenac è usato da una donna in attesa di concepimento, o durante il primo e secondo trimestre di gravidanzala dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le più basse possibili. Durante il terzo trimestre di gravidanzatutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre.

Conseguentemente, il diclofenac è controindicato durante periodo di alcolismo di validità di una puntura terzo trimestre di gravidanza. Come altri FANS, il diclofenac passa nel latte materno in piccole quantità.

Non esiste un tipico quadro clinico risultante da un sovradosaggio di diclofenac. In caso di complicazioni come ipotensione, insufficienza renaleconvulsioni, disturbi gastrointestinali e depressione respiratoria dovrebbero essere adottate le misure di supporto e trattamento sintomatico. Voltaren contiene diclofenac sodico, molecola non steroidea con spiccate proprietà antireumatiche, antinfiammatorie, analgesiche ed antipiretiche. Le prostaglandine giocano un ruolo importante nello scatenare infiammazione, dolore e febbre.

Voltaren ha anche mostrato un marcato effetto analgesico nel dolore moderato o forte di origine non reumatica. Voltaren soluzione iniettabile è particolarmente utile nel trattamento iniziale delle malattie reumatiche infiammatorie e degenerative, e negli stati dolorosi dovuti ad infiammazione di origine non reumatica.

Dopo somministrazione di 75 mg di diclofenac per via intramuscolare. Infusioni più brevi danno picchi di concentrazioni plasmatiche superiori, mentre infusioni più prolungate danno dopo circa ore un plateau di concentrazione proporzionale alla velocità di infusione.

Al contrario, dopo iniezione intramuscolare o somministrazione delle compresse gastroresistenti o delle periodo di alcolismo di validità di una puntura, le concentrazioni plasmatiche diminuiscono velocemente una volta che è stato raggiunto il picco di concentrazione. Il profilo farmacocinetico rimane immodificato anche dopo somministrazioni ripetute.

Il diclofenac penetra nel fluido sinoviale, dove le concentrazioni massime si misurano ore dopo il raggiungimento del picco plasmatico.

Questi ultimi sono in gran parte convertiti a coniugati glucuronici. Due di questi metaboliti fenolici sono biologicamente attivi, ma in misura molto inferiore rispetto al diclofenac.

La parte rimanente della dose somministrata viene escreta sotto forma di metaboliti con la bile nelle feci. Nei pazienti con insufficienza renalese viene osservato il normale schema posologico, non si verifica accumulo del principio attivo immodificato dopo somministrazione di una singola dose. Comunque, i metaboliti sono eliminati in fase finale attraverso la bile.

In pazienti con epatite cronica o, cirrosi non scompensata, la cinetica ed il metabolismo del diclofenac sono gli stessi dei pazienti senza malattia epatica. Non vi sono ulteriori informazioni su dati preclinici oltre a quelle già riportate in altre parti di questo Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto vedere paragrafo 4. Mannitolo; sodio metabisolfito E ; alcool benzilico; propilene glicole E ; sodio idrossido q.

In assenza di studi di incompatibilità, questo medicinale non deve essere miscelato con altri prodotti. Accedi al tuo account. Recupero della password. La tua email. Infezioni e infestazioni.