Lotta con tossicodipendenza e alcolismo

Dipendenza dall'Alcool - Quali segni, quali terapie per disintossicarsi

Cura di alcolismo in condizioni di casa di una goccia

Il decreto ha istituito specifici servizi per le tossicodipendenze in ogni azienda USL Ser. Tdisciplinati in seguito da appositi decreti ministeriali in particolare DM delche rappresentano il primo e fondamentale nucleo di tutela dei soggetti con problemi di dipendenze patologiche. In attuazione di questa disposizione è stato emanato il DM Ministro della Sanità 3 agosto — Linee di indirizzo per la prevenzione, la cura, il reinserimento sociale e il rilevamento epidemiologico in materia di alcoldipendenza.

Particolare attenzione è stata posta al coordinamento con i reparti ospedalieri che ricoverano lotta con tossicodipendenza e alcolismo soggetti con patologie alcolcorrelate, ritenendo opportuno prevedere un modulo operativo ospedalierodotato di un numero limitato di posti letto orientativamente 3 posti letto per un bacino di Risulta di lotta con tossicodipendenza e alcolismo rilievo la Legge 18 febbraion.

Al contempo, la normativa nazionale in materia di welfare ha introdotto sostanziali mutamenti nello scenario dei servizi alla persona ed alla comunità. Basti pensare al D. In questo quadro, le prestazioni in materia di dipendenze patologiche sono da considerarsi. In lotta con tossicodipendenza e alcolismo del D. La materia trova un suo quadro organico di riferimento solo con la Legge lotta con tossicodipendenza e alcolismo marzon.

Ai fini della presente legge, per bevanda alcolica si intende ogni prodotto contenente alcol alimentare con gradazione superiore a 1,2 gradi di alcol e per bevanda superalcolica ogni prodotto con gradazione superiore al 21 per cento di alcol in volume. Trento e Bolzano per lo svolgimento delle funzioni indicate alla lettera a. Per le attività di controllo delle strade nelle ore a maggior rischio di incidenti legati al consumo di alcol, è autorizzata la spesa massima di lire 1. Le Regioni e le Province Autonome sono tenute a trasmettere entro il 30 giugno di ogni anno una relazione al Ministero della sanità sugli interventi realizzati ai sensi della presente legge.

In particolare, il Piano sanitario nazionale approvato D. Il Piano riconosce che, pur con qualche elemento positivo il consumo di bevande alcoliche in Italia è andato diminuendo dal in poiil problema è ancora molto rilevante.

Inoltre il Ministero della Salute ha elaborato nel Dicembre un Piano nazionale Alcol e Saluteinserito nel programma di attività del Lotta con tossicodipendenza e alcolismo per il Controllo delle Malattie CCMquale strumento per favorire azioni di ampio respiro per la prevenzione dei problemi alcolcorrelati in tutto il lotta con tossicodipendenza e alcolismo nazionale.

Si ritiene utile evidenziare che, a livello nazionale, vi è un intreccio di competenze in materia di lotta con tossicodipendenza e alcolismo da parte di diversi Ministeri e principalmente: Salute, Giustizia, Lavoro, Interni. Una competenza che si è modificata nel tempo più volte per le scelte operate dalle diverse legislature.

Entro il 30 aprile di ciascun anno il Dipartimento trasmette una relazione al Parlamento sullo stato di attuazione degli interventi contro le dipendenze patologiche, con particolare riferimento alle azioni di contrasto e prevenzione della droga e di recupero, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza. Un ruolo strategico riveste, lotta con tossicodipendenza e alcolismo, la collaborazione attiva di più soggetti istituzionali e non, tra cui gli Enti Lotta con tossicodipendenza e alcolismo e la Conferenza stato-Regioni, nonché i numerosi enti ed associazioni di volontariato, tra cui Alcolisti AnonimiClub degli Alcolisti in Trattamentoche risultano ben radicate sul territorio.

La Regione affronta il tema con una lunga serie di normative, che si possono far risalire a 3 fasi, corrispondenti ai principali passaggi del sistema sanitario lombardo. La Commissione istituisce con i gruppi di volontariato rapporti differenti a seconda del diverso orientamento operativo delle associazioni.

D Livello di base: medici di base lotta con tossicodipendenza e alcolismo strutture di servizi socio-sanitari e territoriali.

La terza fase si avvia dal in poi, a seguito delle scelte operate dalla L. Il sistema integrato di interventi e servizi sociali si realizza mediante politiche e prestazioni coordinate, nei diversi settori della vita sociale. Tra gli interventi che costituiscono i livelli essenziali delle prestazioni sociali erogabili si indicano gli interventi di reinserimento delle persone con problematica di dipendenza tossicodipendenti e alcoldipendenticome un insieme di prestazioni integrate di tipo socio-educativo.

Anche i Ser. T devono essere previamente autorizzati ed accreditati. Il provvedimento riconosce alle ASL svolgono il ruolo di programmazione, di coordinamento e vigilanza delle attività sulle dipendenze, e conferma la scelta già prevista con Dgr n.

Si ritiene utile richiamare infine, alcune delle numerose iniziative della Regione, tra cui i seguenti Progetti:. Mappa del sito Condizioni di privacy Disclaimer Copyright. Accreditata da. La normativa regionale in materia di alcol e problemi alcol correlati Nov 11, Le principali indicazioni normative nazionali a cura del dott.

In questo quadro, le prestazioni in materia di dipendenze patologiche sono da considerarsi sociosanitarie ad elevata integrazione sanitaria. Di seguito si sintetizzano le principali indicazioni.

Trento e Bolzano per lo svolgimento delle funzioni indicate alla lettera a ; c. Il Piano fissa due obiettivi generali da raggiungere: 1. Le competenze a livello nazionale Si ritiene utile evidenziare che, a livello nazionale, vi è un intreccio di competenze in materia di alcolismo da parte di diversi Ministeri e principalmente: Salute, Giustizia, Lavoro, Interni. La normativa principale è costituita da: L. In questa fase i primi provvedimenti sono: D. Area reinserimento sociale Il sistema integrato di interventi e servizi sociali lotta con tossicodipendenza e alcolismo realizza mediante politiche e prestazioni coordinate, nei diversi settori della vita sociale.

Il provvedimento si compone di due parti: 1. T devono essere previamente autorizzati ed accreditati; 2. Alcune norme recenti: La delibera del 14 dicembre stabilisce le regole relative alla gestione del sistema socio-sanitario Dispone inoltre il blocco, fatti salvi i casi definiti nel documento stesso, per tutto il dei nuovi accreditamenti nonché degli ampliamenti di accreditamenti di diverse strutture territoriali, compresi i Servizi per le tossicodipendenze ad esclusione dei Servizi Multidisciplinari Integrati.

Il decreto n. Si ritiene utile richiamare infine, alcune delle numerose iniziative della Regione, tra cui i seguenti Progetti: Progetto Monitoraggio Droghe e Manifestazioni di Abuso M. News e Approfondimenti.

Aggiornamento Carta dei Servizi Crest maggio Aggiornamento Carta dei Servizi Crest febbraio Inaugurazione Centro Clinico Crest. Contatto Nome E-mail Messaggio Accetto le condizioni della privacy If you want to submit this form, do not enter anything in this field Invia.