Il fondo russo non è presente ad alcolismo e tossicodipendenza

Anna, ex tossicodipendente, parla ai giovani: "Di droga si muore, fermatevi"

Le mogli russe bevono lo sperma dei mariti

Volendo stare con i piedi per terra, dobbiamo partire da alcuni dati certi o il fondo russo non è presente ad alcolismo e tossicodipendenza informazioni in qualche modo documentabili. Possiamo considerare come informazioni attendibili:. Scendendo più in dettaglio, secondo le statistiche giudiziarie, nel territorio russo i delitti hanno avuto in incremento notevole negli ultimi anni.

Sono aumentati gli omicidi Tra le vittime di omicidi troviamo politici, banchieri una media di dieci al mese negli ultimi due anniimprenditori uccisi nelcommercianti, il fondo russo non è presente ad alcolismo e tossicodipendenza, ma pure anziani alcolizzati a cui sono stati tolti gli alloggi con un raggiro.

Secondo fonti ufficiali, nel operavano in Russia circa 5. Le persone coinvolte in attività criminose come fiancheggiatrici sarebbero circa 3 milioni. Nel frattempo, con ogni probabilità, queste cifre sono aumentate. I gruppi criminali sono organizzati in vari modi, in forma più o meno rigida, con gerarchie interne, o senza regole precise e con una forte dinamica aggregazione-disgregazione.

Per quanto riguarda i rapporti tra mafie e potere nelle repubbliche ex sovietiche, ci limitiamo a qualche esempio. La loro presenza è documentata in vari Paesi europei: Germania, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Inghilterra, Svezia, Cipro; in Italia è certamente eccessivo il dato fornito da fonti ufficiali, secondo cui vi opererebbero circa 60 gruppi russi. Le loro file si sono ingrossate negli ultimi anni e le attività vanno dalle truffe al traffico di droghe, agli omicidi su commissione.

Nel febbraio del a Sverdlosk, a mille chilometri da Mosca, al centro del complesso militare-industriale ex sovietico, si è scoperto che la Banca internazionale della Russia meridionale era creazione di un mafioso siciliano e di un socio americano Sterlingp.

La Romania è diventato un crocevia internazionale anche per la cocaina. In Romania la mafia controlla anche il racket delle adozioni di minori.

In Bulgaria, dopo la crisi delle esportazioni di tabacco, prima dirette soprattutto in Russia, sono aumentate le coltivazioni il fondo russo non è presente ad alcolismo e tossicodipendenza cannabis e di papavero da oppio e le case farmaceutiche producono sostanze psicotrope e amfetamine OGDpp.

Per esempio, a Praga hanno fatto ottimi affari mafiosi siciliani e camorristi campani. Questi fenomeni, rapidamente abbozzati, sono riconducibili in gran parte alla tipologia mafiosa. Ci si è chiesti come mai un fenomeno tagliato su misura per una società economicamente primitiva si sia pienamente inserito negli intrecci affaristici apparentemente più moderni Fracassip. Soprattutto nel periodo di Brezhnev tali pratiche e tali rapporti hanno avuto una grande diffusione e hanno portato a processi a vertici politico-istituzionali come il ministro degli Interni e il viceministro, genero di Brezhnev.

Nel periodo di Gorbacev, il probizionismo degli alcolici è stato una grande occasione di arricchimento per i gruppi criminali ma già da qualche tempo si andava diffondendo il consumo di droghe.

Già nel la famiglia mafiosa di S. Lorenzo di Palermo aveva acquistato milioni di rubli. I gruppi criminali hanno comprato i rubli utilizzando dollari falsi e proventi di traffici illeciti.

Nella truffa erano implicati esponenti della vecchia e della nuova nomenklatura Sterlingpp. A Mosca la mafia ha fatto man bassa di negozi, alberghi e servizi. In tal modo la mafia non solo si sarebbe legalizzata ma appare come, improbabile, garante di legalità. Ma la seconda fase potrebbe essere già cominciata. Le forme di capitalismo speculativo, i traffici criminali e mafiosi sarebbero già in posizione subordinata rispetto ai supermonopoli.

Fracassipp. Manca una classe media. Le materie prime, a cominciare dal petrolio, non bastano da sole ad assicurare una posizione di primo piano nel quadro mondiale. Il ruolo del capitale privato esterno, consistente in altri Paesi, è irrisorio in Russia, dove gli investimenti sono stati per 2 miliardi di dollari, pari a quelli nella repubblica ceca e quattro volte inferiori a quelli in Ungheria Samary Per una serie di ragioni la Russia appare poco affidabile al capitale internazionale.

Quanto al rapporto mafia-politica-istituzioni, in entrambi i modelli i gruppi mafiosi sono collegati alle istituzioni, ma distinti da esse. Nel modello russo, la mafia in buona parte è nata e nasce dal seno delle istituzioni Partito, Kgb etc. A livello economico è ipotizzabile che abbia maggiori probabilità il modello siciliano, su una scala ben più vasta.

In ogni caso, mi pare pematuro fare previsioni azzardate, soprattutto quando abbiamo una conoscenza inadeguata dei fenomeni in atto. Esso incentiva tutte le forme di accumulazione e nei prossimi anni più che un accorciamento dei tempi tra fasi storiche in successione, come se si trattasse di un processo lineare, si potrebbe avere la convivenza tra accumulazione criminale e postfordismo. Le informazioni su incontri di vertice tra varie organizzazioni sono da prendere con beneficio di inventario: coloro che vi hanno preso il fondo russo non è presente ad alcolismo e tossicodipendenza rappresentavano tutta la mafia siciliana o tutti i cartelli colombiani o tutte le mafie russe o solo una parte, certamente non secondaria?

Fracassi Claudio, Russia. Il ruolo delle mafie nella crisi russain Violante Luciano a cura diMafie e antimafia. RapportoLaterza, Bari Martinetti Cesare, Il padrino di Mosca. La scalata al potere della mafia nella nuova RussiaFeltrinelli, Milano Chinnici — U. Santino, La violenza programmata. Angeli, Milano Santino Umberto, La mafia interpretata.

Dilemmi, stereotipi, paradigmiRubbettino, Soveria Mannelli Sterling Claire, Un mondo di ladri. Le nuove frontiere della criminalità internazionaleMondadori, Milano Violante Luciano, Non è la piovra. Dodici tesi sulle mafie italianeEinaudi, Torino Umberto Santino: I padrini al Cremlino. Le mafie in Russia e nei paesi ex socialisti.

Attività e organizzazioni criminali in Russia, nella CSI e nei Paesi ex socialisti Scendendo più in dettaglio, secondo le statistiche giudiziarie, nel territorio russo i delitti hanno avuto in incremento notevole negli ultimi anni.

Altri gruppi sono nuovi e in continua evoluzione. Verso una supercupola mondiale?