Disposizione di alcolismo in Chiesa ortodossa russa

Non bevo più - La mia esperienza con l'alcol

Ha detto che ha smesso di dare colpi sordi

L'ira di Mosca, le battaglie politiche e il rischio di una frattura nelle chiese ortodosse. Le parole di Alexander Volkovsegretario stampa del patriarca ortodosso di Russia Kirillappaiono drammatiche.

Quale è il motivo di tanto astio e rivolto a chi? Una scelta che appare politica più che dettata da motivazioni religiose. Il conflitto in corso fra Ucraina e Russia, ultimo e al momento più doloroso tassello del processo di disgregazione post sovietico, ha accentuato tensioni e rivendicazioni già in essere. La Russia non vuole perdere un grammo del suo peso, e la chiesa ortodossa è la longa manus del Cremlino in terra oggi nemica. Il patriarca di Costantinopoli è storicamente il disposizione di alcolismo in Chiesa ortodossa russa inter pares tra i leader ortodossi ma sono i confini del suo potere ad essere oggi in discussione.

A lui spetta presiedere ogni concilio di vescovi ed è in pratica il portavoce della intera comunione ortodossa. Le tensioni covano sotto la cenere da tempo: da chi far dipendere le varie diaspore e a chi spettano decisioni sulle autocefalie sono ovviamente questioni rilevanti.

Bartolomeo è accusato da Mosca di eccessivo accentramento di potere, ma i russi oggi forse rimpiangono di non aver preso parte al disposizione di alcolismo in Chiesa ortodossa russa panortodosso delil primo dopo quasi anni. Gli organismi internazionali ecumenici, Consiglio ecumenico delle chiese in testa, appaiono assenti in questi anni di dialoghi mancati, di tensioni crescenti. Non sono stati in disposizione di alcolismo in Chiesa ortodossa russa di proporsi quale luogo terzo per le discussioni e le trattative.

Ora per la prima volta il mondo ortodosso è di fronte ad uno scisma probabilmente senza precedenti, le cui conseguenze politiche e religiose appaiono al momento di difficile lettura.

I delegati parlarono assai male di Roma, data la fredda accoglienza dimostrata dal papa, mentre raccontarono meraviglie di Costantinopoli e della fede ortodossa. La scelta fu quindi logica. La città divenne una provincia ecclesiastica sotto la giurisdizione del Patriarcato di Costantinopoli. Kiev è devastata. Autonoma quindi, ma non troppo. Il caso più eclatante è proprio disposizione di alcolismo in Chiesa ortodossa russa ucraino.

Nel la chiesa ortodossa si spacca in tre parti: la prima, più numerosa, rimane fedele a Mosca e nel poteva contare in tutto il paese su oltre 11 mila chiese e 12 mila comunità. Tags: Chiesa ortodossa. Interesse geografico: Esteri.